‎Una grossolana e gravissima falsità

 

 
Repetto_alessandro

Mi chiamo Felice Airoldi e sono il portavoce del Comitato per Scarpino 
ho preso visione dell' articolo apparso sul Secolo XIX a pagina 23, 
pubblicato il 3 febbraio 2010 e sono esterefatto, sopratutto perchè non 
sono stato nemmeno contattato dall'autore che non si firma, quantomeno 
per informarsi e per sentire la mia opinione in merito a quanto mi viene 
attribuito per il quale il presidente della provincia di Genova ha 
immediatamente dato incarico a un legale di sua fiducia perché proceda a 
tutela della sua onorabilità e nel rispetto della verità in tutte le 
sedi giudiziarie, nei confronti di chi è responsabile di tali false e 
diffamatorie dichiarazioni, aggiunge che devolvera interamente 
l’eventuale risarcimento dei danni a favore delle iniziative benefiche 
dell’Istituto "Giannina Gaslini”.
Quale "prova a sostegno" a queste querela / denuncia, è un video che in 
questi giorni è presente su You Tube,
http://www.youtube.com/embed/ew-Mmms5fpk
nel quale, chi ha scritto l'articolo, ritiene che il sottoscritto ha 
"sostenuto" che, alcuni terreni dell'area interessata alla costruzione 
del futuro gassificatore, sarebbero di proprietà del presidente della 
Provincia di Genova Alessandro Repetto e che, lo stesso Repetto ha 
ceduto, a pagamento, alcuni terreni di sua proprietà per aumentare gli 
spazi della discarica e fare spazio al GASSIFICATORE che verrà costruito 
alle spalle di Sestri.

Come per il presidente Repetto, è molto forte la mia indignazione e 
respingo con la massima fermezza questa insinuazione e nego, con ampia 
facoltà di prova, di avere mai pronunciato queste parole, basta guardare 
attentamente il video.

Come afferma il presidente Repetto anche io ho sempre perseguito, nella 
mia azione politica, ma dal "basso" la difesa del territorio e della 
salute dei cittadini, improntata alla massima trasparenza e onestà, nel 
più ampio confronto con tutti, spesso deciso, sempre leale, mai falso 
anche se sono stato continuamente tradito dalle istituzioni, e dalle 
cosidette associazioni ambientaliste, che ho sempre votato e sostenuto, 
mi sono sempre opposto allo squallore di questa politica ridotta a merce 
di scambio per i partiti e le lobby di potere, banche, energia, carbone, luce, gas, 
acqua e rifiuti a cui i politici fanno continuo riferimento.
Sempre e comunque a mio rischio e pericolo, contro quelle 
municipalizzate che si comportano peggio del peggior privato, sempre 
contro la cultura della corruzzione, del sospetto e della denigrazione e 
continuerò a farlo .

Per tutto questo, il sottoscritto pretende che il SECOLO XIX rettifichi 
immediatamente queste false dichiarazioni, proceda a tutela della mia 
onorabilità e di quella del Comitato per Scarpino del quale non sono 
presidente come si legge nel titolo, ma il semplice portavoce e nel 
rispetto della verità. si attivi nei confronti di chi è responsabile di 
tali false, diffamatorie, fallaci interpretazioni.

Al contrario del presidente Repetto non penso di rivolgermi allla 
magistratura, perchè penso abbia questioni più importanti e urgenti di 
cui occuparsi, come, per esempio scoprire come mai il percolato che 
fuoriesce dalla discarica di Scarpino possa finire impunemente in mare o 
come mai a Genova le percentuali della raccolta differenziata siano al 
di sotto della metà degli obblighi di legge nonostante i proclami dei 
vertici Amiu puntualmente pubblicati a caratteri cubitali sul vostro 
giornale.

Attendo che questa mia mail venga pubblicata al più presto con allegata 
la foto dello striscione del Comitato per Scarpino.

Felice Airoldi

‎Una grossolana e gravissima falsità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su